L A B O R A T O R I O  D I  A R C H I T E T T U R A  E  D E S I G N

Visualizza questo post su Instagram

#design #art #recycle #architecture #schizzo #minimal #fashion #architettura #lessismore #home #lagoon #holydays #italia #handmade #architettura #illustration #igers #artist #sketch #instagood #instagood #venice #artwork #venezia #sea #project #drawing laguna #progetto #italy RECUPERO DEL FARO DI SPIGNON More at: http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=10315 TIPOLOGIA : FARO LUOGO : VENEZIA (VE) PROGRAMMA:LIGHTHOUSE ACCOMODATION DIMENSIONI:130 m² PROGETTO: 2016 CONCORSO: SECONDO CLASSIFICATO CLIENTE: SIMERG s.r.l. ARCHITETTURA E INTERIOR: LAD – Francesco Napolitano, Simone Lanaro COLLABORATORI: Lorenzo Pericoli, Chiara Intreccialagli, Serena Bruno Gallo, Alessandro Barile, Laura Fernandez Moreno. Consulente per il restauro: Arch. Alfonso Tizzano Il faro Spignon si trova su una piccolissima isola della laguna di Venezia, in prossimità della Bocca di Porto che separa l’Isola del Lido dall’Isola di Pellestrina. Il faro è di proprietà del Demanio e poiché è abbandonato e parzialmente crollato, l’Agenzia ha deciso di concederlo ad un privato attraverso una gara chiamata “Valore Paese Fari”. Il progetto con il quale abbiamo partecipato prevede la riedificazione del volume crollato ed il restauro della torre esistente. Il nuovo edificio ospita una struttura con pianta flessibile che può essere utilizzata sia come abitazione sia come spazio espositivo. Le idee principali che caratterizzano questa proposta sono due: la prima riguarda l’iconografia e quindi lo spazio esterno, mentre la seconda riguarda lo spazio interno. Dal punto di vista iconografico questo progetto prova a mettere in relazione le proporzioni degli elementi architettonici tipici delle facciate dei palazzi veneziani con i sistemi costruttivi delle grandi imbarcazioni mercantili. Quindi guardando frontalmente l’edificio si possono vedere le stesse alternanze di pieni e di vuoti della Ca’ d’Oro o del Palazzo Ducale, mentre osservando l’edificio di tre quarti, la sua immagine ricorda la costruzione di uno scafo. La seconda caratteristica consiste nel proporre un’architettura che sia al suo interno trasformabile ed adattabile a diversi usi. Il sistema delle pareti mobili interne

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

Visualizza questo post su Instagram

#design #art #recycle #architecture #schizzo #minimal #fashion #architettura #lessismore #home #lagoon #holydays #italia #handmade #architettura #illustration #igers #artist #sketch #instagood #instagood #venice #artwork #venezia #sea #project #drawing laguna #progetto #italy RECUPERO DEL FARO DI SPIGNON More at: http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=10315 TIPOLOGIA : FARO LUOGO : VENEZIA (VE) PROGRAMMA:LIGHTHOUSE ACCOMODATION DIMENSIONI:130 m² PROGETTO: 2016 CONCORSO: SECONDO CLASSIFICATO CLIENTE: SIMERG s.r.l. ARCHITETTURA E INTERIOR: LAD – Francesco Napolitano, Simone Lanaro COLLABORATORI: Lorenzo Pericoli, Chiara Intreccialagli, Serena Bruno Gallo, Alessandro Barile, Laura Fernandez Moreno. Consulente per il restauro: Arch. Alfonso Tizzano Il faro Spignon si trova su una piccolissima isola della laguna di Venezia, in prossimità della Bocca di Porto che separa l’Isola del Lido dall’Isola di Pellestrina. Il faro è di proprietà del Demanio e poiché è abbandonato e parzialmente crollato, l’Agenzia ha deciso di concederlo ad un privato attraverso una gara chiamata “Valore Paese Fari”. Il progetto con il quale abbiamo partecipato prevede la riedificazione del volume crollato ed il restauro della torre esistente. Il nuovo edificio ospita una struttura con pianta flessibile che può essere utilizzata sia come abitazione sia come spazio espositivo. Le idee principali che caratterizzano questa proposta sono due: la prima riguarda l’iconografia e quindi lo spazio esterno, mentre la seconda riguarda lo spazio interno. Dal punto di vista iconografico questo progetto prova a mettere in relazione le proporzioni degli elementi architettonici tipici delle facciate dei palazzi veneziani con i sistemi costruttivi delle grandi imbarcazioni mercantili. Quindi guardando frontalmente l’edificio si possono vedere le stesse alternanze di pieni e di vuoti della Ca’ d’Oro o del Palazzo Ducale, mentre osservando l’edificio di tre quarti, la sua immagine ricorda la costruzione di uno scafo. La seconda caratteristica consiste nel proporre un’architettura che sia al suo interno trasformabile ed adattabile a diversi usi. Il sistema delle pareti mobili interne

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

Visualizza questo post su Instagram

#design #art #recycle #architecture #schizzo #minimal #fashion #architettura #lessismore #home #lagoon #holydays #italia #handmade #architettura #illustration #igers #artist #sketch #instagood #instagood #venice #artwork #venezia #sea #project #drawing laguna #progetto #italy RECUPERO DEL FARO DI SPIGNON More at: http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=10315 TIPOLOGIA : FARO LUOGO : VENEZIA (VE) PROGRAMMA:LIGHTHOUSE ACCOMODATION DIMENSIONI:130 m² PROGETTO: 2016 CONCORSO: SECONDO CLASSIFICATO CLIENTE: SIMERG s.r.l. ARCHITETTURA E INTERIOR: LAD – Francesco Napolitano, Simone Lanaro COLLABORATORI: Lorenzo Pericoli, Chiara Intreccialagli, Serena Bruno Gallo, Alessandro Barile, Laura Fernandez Moreno. Consulente per il restauro: Arch. Alfonso Tizzano Il faro Spignon si trova su una piccolissima isola della laguna di Venezia, in prossimità della Bocca di Porto che separa l’Isola del Lido dall’Isola di Pellestrina. Il faro è di proprietà del Demanio e poiché è abbandonato e parzialmente crollato, l’Agenzia ha deciso di concederlo ad un privato attraverso una gara chiamata “Valore Paese Fari”. Il progetto con il quale abbiamo partecipato prevede la riedificazione del volume crollato ed il restauro della torre esistente. Il nuovo edificio ospita una struttura con pianta flessibile che può essere utilizzata sia come abitazione sia come spazio espositivo. Le idee principali che caratterizzano questa proposta sono due: la prima riguarda l’iconografia e quindi lo spazio esterno, mentre la seconda riguarda lo spazio interno. Dal punto di vista iconografico questo progetto prova a mettere in relazione le proporzioni degli elementi architettonici tipici delle facciate dei palazzi veneziani con i sistemi costruttivi delle grandi imbarcazioni mercantili. Quindi guardando frontalmente l’edificio si possono vedere le stesse alternanze di pieni e di vuoti della Ca’ d’Oro o del Palazzo Ducale, mentre osservando l’edificio di tre quarti, la sua immagine ricorda la costruzione di uno scafo. La seconda caratteristica consiste nel proporre un’architettura che sia al suo interno trasformabile ed adattabile a diversi usi. Il sistema delle pareti mobili interne

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

Visualizza questo post su Instagram

5 PATIO HOUSES AND 12 ROW HOUSES more at:http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=8599&lang=en #design #art #minimal #architecture #interior #design #instagood #architettura #style #home #homedecor #igers #roma #handmade #architettura #illustration #photography #artist #sketch #instagood #rome #creative #artwork #watercolor #inspiration #project #drawing #homedesign #progetto #italy TYPE: RESIDENTIAL BUILDINGS LOCATION: ROME, ITALY PROGRAM: SEVEN 93 m² row houses + FIVE 70 m² row houses + FIVE 90 m² patio houses DESIGN YEAR: 2015 BUILDING: – PARTNER IN CHARGE: FRANCESCO NAPOLITANO DESIGN TEAM: DOMENICO FARACO, MAURIZIO GIODICE, CECILIA CAFFARI, CARLA TERRANOVA Questo lavoro riguarda due lotti situati a Roma, nella periferia ovest della città. Il progetto prevede la demolizione di alcuni fabbricati fatiscenti e la successiva ricostruzione di due piccoli edifici residenziali, separati da una strada. La particolarità dell’intervento è evidente nella natura stessa del lotto di progetto: benché il sito sia all’interno del raccordo anulare e sebbene sia relativamente vicino al centro della città, è situato all’interno di un’area a forte vocazione naturalistica e offre scorci di un paesaggio tipicamente suburbano. Sul primo lotto sono state progettate sette case a schiera, con una tipologia da 95 m², con scala a vista sul soggiorno e terrazze scalettate posizionate sul fronte sud; sul secondo lotto sono state inserite cinque piccole case a schiera da 70 m² e cinque case a patio da 90 m². L’utilizzo di tipologie edilizie indipendenti ha permesso di costituire un orientamento ottimale: tutte le zone giorno sono posizionate sul fronte sud-ovest mentre le zone giorno sul fronte nord-est in modo da ottimizzare i guadagni termici e l’illuminazione naturale all’interno delle abitazioni.

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

5 PATIO HOUSES AND 12 ROW HOUSES more at:http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=8599&lang=en #design #art #minimal #architecture #interior #design #instagood #architettura #style #home #homedecor #igers #roma #handmade #architettura #illustration #photography #artist #sketch #instagood #rome #creative #artwork #watercolor #inspiration #project #drawing #homedesign #progetto #italy TYPE: RESIDENTIAL BUILDINGS LOCATION: ROME, ITALY PROGRAM: SEVEN 93 m² row houses + FIVE 70 m² row houses + FIVE 90 m² patio houses DESIGN YEAR: 2015 BUILDING: – PARTNER IN CHARGE: FRANCESCO NAPOLITANO DESIGN TEAM: DOMENICO FARACO, MAURIZIO GIODICE, CECILIA CAFFARI, CARLA TERRANOVA Questo lavoro riguarda due lotti situati a Roma, nella periferia ovest della città. Il progetto prevede la demolizione di alcuni fabbricati fatiscenti e la successiva ricostruzione di due piccoli edifici residenziali, separati da una strada. La particolarità dell’intervento è evidente nella natura stessa del lotto di progetto: benché il sito sia all’interno del raccordo anulare e sebbene sia relativamente vicino al centro della città, è situato all’interno di un’area a forte vocazione naturalistica e offre scorci di un paesaggio tipicamente suburbano. Sul primo lotto sono state progettate sette case a schiera, con una tipologia da 95 m², con scala a vista sul soggiorno e terrazze scalettate posizionate sul fronte sud; sul secondo lotto sono state inserite cinque piccole case a schiera da 70 m² e cinque case a patio da 90 m². L’utilizzo di tipologie edilizie indipendenti ha permesso di costituire un orientamento ottimale: tutte le zone giorno sono posizionate sul fronte sud-ovest mentre le zone giorno sul fronte nord-est in modo da ottimizzare i guadagni termici e l’illuminazione naturale all’interno delle abitazioni.

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

5 PATIO HOUSES AND 12 ROW HOUSES more at:http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=8599&lang=en #design #art #minimal #architecture #interior #designer #fashion #architettura #style #home #homedecor #wood #roma #handmade #architettura #illustration #photography #artist #sketch #instagood #rome #creative #artwork #furniture #inspiration #project #drawing #homedesign #progetto #italy TYPE: RESIDENTIAL BUILDINGS LOCATION: ROME, ITALY PROGRAM: SEVEN 93 m² row houses + FIVE 70 m² row houses + FIVE 90 m² patio houses DESIGN YEAR: 2015 BUILDING: – PARTNER IN CHARGE: FRANCESCO NAPOLITANO DESIGN TEAM: DOMENICO FARACO, MAURIZIO GIODICE, CECILIA CAFFARI, CARLA TERRANOVA Questo lavoro riguarda due lotti situati a Roma, nella periferia ovest della città. Il progetto prevede la demolizione di alcuni fabbricati fatiscenti e la successiva ricostruzione di due piccoli edifici residenziali, separati da una strada. La particolarità dell’intervento è evidente nella natura stessa del lotto di progetto: benché il sito sia all’interno del raccordo anulare e sebbene sia relativamente vicino al centro della città, è situato all’interno di un’area a forte vocazione naturalistica e offre scorci di un paesaggio tipicamente suburbano. Sul primo lotto sono state progettate sette case a schiera, con una tipologia da 95 m², con scala a vista sul soggiorno e terrazze scalettate posizionate sul fronte sud; sul secondo lotto sono state inserite cinque piccole case a schiera da 70 m² e cinque case a patio da 90 m². L’utilizzo di tipologie edilizie indipendenti ha permesso di costituire un orientamento ottimale: tutte le zone giorno sono posizionate sul fronte sud-ovest mentre le zone giorno sul fronte nord-est in modo da ottimizzare i guadagni termici e l’illuminazione naturale all’interno delle abitazioni.

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

MINI FLAT PARIOLI more at: http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=6282&lang=en #design #art #interiordesign #architecture #interior #designer #fashion #architettura #loft #home #homedecor #minimal #roma #pawson #architettura #illustration #photography #artist #sketch #instagood #rome #creative #artwork #furniture #lessismore #project #drawing #minimalismo #progetto #italy This interior design work is located in a building that was once a social housing unit and is now fronting one of the most elegant streets in Rome. The “Ante Operam” situation of the flat was therefore inadeguate to the client’s desires. The main operation was to invert what was living space with the bedroom. During the renovation of the new living room, an old wooden roof was found on the top of the old ceiling: it was restored and painted in white. The lamp is the famous “Arco” by Achille Castiglioni, the applique is the “Tolomeo” by Michele De Lucchi. L’immobile che contiene questo piccolo loft è un edificio del 1923 situato all’inizio di viale Parioli, una delle strade più eleganti di Roma. L’isolato è stato uno dei primi ad essere costruito sul viale e aveva una vocazione quasi esclusivamente popolare: per questa ragione la distribuzione “Ante Operam” non soddisfaceva il cliente. L’operazione principale è stata quella di invertire la zona giorno con la zona notte: questo ha consentito alla sala di usufruire delle finestre più belle che affacciano sul viale. Durante il cantiere è stato scoperto un tetto in legno al di sopra del vecchio controsoffitto: è stato restaurato e dipinto in bianco. La piantana è la famosa “Arco” di Achille Castiglioni, la applique è la “Tolomeo” di Michele De Lucchi.

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

BAILEY BRIDGE PYLON RECYCLE more at: http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=1237 #design #art #interiordesign #architecture #interior #designer #bridge #architettura #style #home #recycle #eco #roma #handmade #architettura #illustration #engineering #artist #sketch #instagood #rome #creative #artwork #idea #inspiration #project #drawing #sport #progetto #italy This is our idea to recover the Bailey Bridge pylons decline, that everybody walking on Tor di Quinto street near collina Fleming can see. Three useless reinforced concrete pylons rise from surface of the river, they were the pillars of the old Bailey Bridge, dismantled in the 60s. Our idea includes an agreement between the public administration and a private moneylender ready to invest in the demolition of two pylons. Against this effort, the Public Administration grants the private to recover the third pylon and to reuse it, putting on it a removable cantilever structure on the Tiber. This platform can be considered a real public square in the middle of the river, available to everybody and provided with a covered bar on the back. In the end of the license the Commune can decide if removing the structure and then destroying the third pylon , or renovate the license. So the Public Administration remedies to a situation of urban decline without investing any money, the investor builds and creates business and then employment, and all the citizens get an urban cantilever square over the Tiber, where he can enjoy and see the river in a new way. The 27th November this project won the competition “Premio Vocazione Roma” and it was awarded by Nicola Zingaretti, President of Rome Province. This makes us proud, but it is not enough: the grant application for this project was delivered and registered at the offices of the Lazio Region but it was unfortunately ignored in those archives. We believe in this project, If you too believe in it and if you think you can help us to make it in anyway, please contact us, we are curious to hear your proposal. THE 27TH NOVEMBER 2011 OUR PROJECT TO RECOVER THE EX BAILEY BRIDGE PYLONS WON THE COMPETITION “ PREMIO VOCAZIONE ROMA”. FRANCESCO NAPOLITANO WAS AWARDED BY

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

MINI FLAT PARIOLI more at: http://www.lad.roma.it/html_version/?page_id=6282&lang=en #design #art #interiordesign #architecture #interior #designer #fashion #architettura #style #home #homedecor #decor #roma #handmade #architettura #illustration #photography #artist #sketch #instagood #rome #creative #artwork #furniture #inspiration #project #drawing #homedesign #progetto #italy This interior design work is located in a building that was once a social housing unit and is now fronting one of the most elegant streets in Rome. The “Ante Operam” situation of the flat was therefore inadeguate to the client’s desires. The main operation was to invert what was living space with the bedroom. During the renovation of the new living room, an old wooden roof was found on the top of the old ceiling: it was restored and painted in white. The lamp is the famous “Arco” by Achille Castiglioni, the applique is the “Tolomeo” by Michele De Lucchi. L’immobile che contiene questo piccolo loft è un edificio del 1923 situato all’inizio di viale Parioli, una delle strade più eleganti di Roma. L’isolato è stato uno dei primi ad essere costruito sul viale e aveva una vocazione quasi esclusivamente popolare: per questa ragione la distribuzione “Ante Operam” non soddisfaceva il cliente. L’operazione principale è stata quella di invertire la zona giorno con la zona notte: questo ha consentito alla sala di usufruire delle finestre più belle che affacciano sul viale. Durante il cantiere è stato scoperto un tetto in legno al di sopra del vecchio controsoffitto: è stato restaurato e dipinto in bianco. La piantana è la famosa “Arco” di Achille Castiglioni, la applique è la “Tolomeo” di Michele De Lucchi.

Un post condiviso da LAD (@lad_architecture) in data:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RSS    ITALIANO - ENGLISH   OLD VERSION SITE   Social Flickr Tumblr google plus Youtube Linkedin twitter facebook Vimeo Pinterest